Disturbi specifici di apprendimento

Servizio per la dislessia
Servizio per la dislessia

Dislessia, discalculia, disgrafia e disortografia  sono oggi riconosciuti con la sigla D.S.A., ovvero disturbi specifici di apprendimento.

Questi disturbi si manifestano in giovane età e sono riconoscibili da atteggiamenti e difficoltà che il ragazzo manifesta a scuola, a casa e in ogni ambiente.

Gli psicologi dello studio di Pistoia sono in grado di valutare, mediante appositi test di apprendimento, se il paziente soffre di tali disturbi e consigliano la strada da seguire per arginare o risolvere tale disturbo dell'apprendimento a seconda del grado con cui si manifesta.

psicologia-infanzia

A chi si rivolge

Il servizio si rivolge a tutti gli alunni delle scuola di ogni ordine e grado che incontrano difficoltà nel raggiungimento degli obiettivi scolastici a causa della presenza di Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA).

Questi Disturbi possono essere dovuti a particolari difficoltà in alcune aree specifiche dell’apprendimento scolastico, nonostante che il funzionamento intellettivo sia adeguato all’età cronologica.

Le difficoltà possono essere di diversi tipi e presentarsi da sole o associate: difficoltà nella lettura (Dislessia), difficoltà nella scrittura (Disgrafia e disortografia), difficoltà di calcolo (Discalculia).

Quanto è diffuso il problema

Il problema si manifesta in genere tra i 6 e i 15 anni e colpisce circa il 3 – 4.5% della popolazione scolastica. Si ipotizza che in media in ogni classe scolastica sia presente almeno 1 alunno con DSA.

apprendimento

L’importanza di una diagnosi precoce

Il quadro clinico del disturbo ha un’origine neurologica e si presenta come uno sviluppo atipico dell’apprendimento, che può essere però attenuato e/o compensato dall’ambiente familiare e scolastico, anche con mezzi previsti per legge, consentendo al ragazzo di raggiungere gli obiettivi di apprendimento della classe frequentata.

Il mancato o tardivo riconoscimento di un DSA può comportare una sequenza di effetti negativi che possono creare senso di inadeguatezza, bassa autostima, frustrazione, ansia, oppositività… tanti conflitti emotivi che abbattono la
motivazione dell’apprendimento e la voglia di impegnarsi nella scuola.

    Una valutazione che richiede tanti specialisti esperti nel settore

    La valutazione e la diagnosi, poiché esigono un esame differenziale rispetto ad altri disturbi che possono essere compresenti (disturbi del linguaggio, dell’attenzione e dell’iperattività, della coordinazione motoria ed altre psicopatologie) avviene all’interno di un percorso svolto da vari specialisti che si coordinano tra loro: il neuropsichiatra infantile, lo psicologo esperto in disturbi dell’apprendimento, il logopedista.

    Share by: